Copyright

Le informazioni e le notizie pubblicate in questo sito sono a disposizione di chiunque e liberamente riproducibili. In tale caso si prega però di volerne gentilmente citare la fonte.
Grazie.

lunedì 15 marzo 2021

Segnaletica stradale in dialetto

 








Alcune settimane or sono abbiamo presentato attraverso queste pagine e i social media una piccola proposta per il miglioramento della nuova segnaletica stradale che il comune di Casale Corte Cerro sta posando in questo periodo. L’idea era quella di completare i cartelli indicatori delle varie frazioni con la corrispondente denominazione in dialetto locale e con un codice QR che rimandasse a delle schede on line attraverso cui fornire ai cittadini e ai visitatori qualche informazione di interesse geografico, storico e turistico.

La ‘cosa’ ha suscitato un certo interesse in paese e molte persone ci hanno fatto pervenire il loro apprezzamento. Anche l’Amministrazione comunale, attraverso l’assessore alla Viabilità Gabriele Falcioni, si è dichiarata interessata a lavorare sul progetto, ma ci segnala che, a norma del Codice della Strada, non risulta possibile inserire le diciture direttamente nel cartello ufficiale; la cosa è permessa solo nelle zone ufficialmente dichiarate bilingui, come succede in Sud Tirolo, Valle d’Aosta, Friuli e Sardegna. Nulla osta però all’aggiunta sui medesimi supporti di un altro cartello con tutte le indicazioni che si ritengano utili.

A questo punto proviamo a rimodulare la nostra proposta e, per maggior chiarezza, forniamo un esempio pratico applicato a Montebuglio, una delle frazioni più antiche e ricche di storia, tradizioni e punti di interesse. Nelle fotografie allegate il codice QR è già funzionante e rimanda a una scheda ospitata provvisoriamente sulle pagine di uno dei nostri siti internet dedicati al territorio di Casale e dintorni. Ricordiamo che in questo modo i segnali sul territorio – che in seguito potrebbero espandersi a monumenti, percorsi, ambienti naturali e quant’altro – non richiederebbero aggiornamenti nel tempo, mentre le schede online potrebbero essere facilmente aggiornate e implementate a costi praticamente nulli.

Massimo M. Bonini – barbä Bonìn

Nessun commento: