Copyright

Le informazioni e le notizie pubblicate in questo sito sono a disposizione di chiunque e liberamente riproducibili. In tale caso si prega però di volerne gentilmente citare la fonte.
Grazie.

domenica 28 marzo 2021

Pochi mezzi, ma tanta passione

 

COME ERAVAMO

 


Nelle foto che pubblichiamo si vedono i ragazzi della parrocchia di San Giorgio, in compagnia di un giovanissimo don Renato Beltrami, da poco nominato parroco in sostituzione di don Pietro Belloni, che si ‘arrangiano’ a imbastire una partitella di calcio nel terreno dell’ex camposanto, a lato e sul retro della chiesa parrocchiale. Il luogo è tutt’ora detto ‘le Cappelle’ per la presenza delle cappellette devozionali – poi demolite, ad esclusione delle quattro incorporate nei montanti dei due cancelli di accesso - con le stazioni della via Crucis. Siamo a metà circa degli anni ’50 e Casale non disponeva di un campo giochi.

Pochi anni più tardi, però, in soccorso della parrocchia vennero i fratelli Luigi – ël professor, il professore – e Marì Gedda, già fondatori del Getsemani - che donarono un terreno di loro proprietà situato immediatamente a valle dell’oratorio Casa del Giovane. Era soltanto un prato arborato, ma per la trasformazione in campo sportivo si misero subito all’opera i giovani dell’Azione Cattolica, che con pala, picco, carriola e olio di gomito – ancora una volta sotto la guida del parroco – realizzarono (e qui si veda la terza foto) quello che divenne ‘il Sabbioso’, quel campetto pieno di sabbia e sassi sul quale i ragazzi del paese impararono le regole del calcio e dal quale uscirono anche sportivi di indiscusso valore. Uno per tutti: Daniele Bulgheroni, per anni titolare del glorioso Omegna Calcio.

Per il materiale fotografico ringraziamo ancora una volta la famiglia Dematteis e i volontari della Ca dij Libär e del museo della Latteria Consorziale Turnaria.



Nessun commento: