Copyright

Le informazioni e le notizie pubblicate in questo sito sono a disposizione di chiunque e liberamente riproducibili. In tale caso si prega però di volerne gentilmente citare la fonte.
Grazie.

domenica 11 aprile 2021

Ripuliamo il mondo... almeno un pezzetto

 


Notizie casalesi - 11 aprile 2021

 

MESSA IN SICUREZZA DEI CORSI D’ACQUA

Con l’arrivo della stagione calda prende il via un programma di interventi che l'Amministrazione comunale dedica alla cura, manutenzione e messa in sicurezza del territorio.

Si tratta di una serie di opere, messe a bilancio per il 2021, che vedranno interessati nel corso dei prossimi mesi il rio Vallessa - in due aree distinte del paese: zona Gabbio e Casale centro - il rio delle Quare e il rio di Mezzo in frazione di Ramate, nonché la posa di reti paramassi in località Case Sparse Fontanaccia, al confine con Gravellona Toce.

I primi lavori in calendario hanno avuto inizio pochi giorni or sono sul rio Vallessa, nel tratto a valle della strada regionale 229 e fino alla confluenza con lo Strona. L'opera, del costo complessivo di circa 30mila euro, permetterà di mettere in sicurezza il corso d’acqua e prevenirne l'esondazione in caso di eventi alluvionali attraverso lavori di disalveo e pulizia del letto del fiume e la realizzazione di una nuova arginatura.

L’Assessore ai Lavori pubblici, Gabriele Falcioni dichiara: “L’attenzione dell’Amministrazione alla sicurezza del territorio è uno dei punti fermi della nostra gestione. È nostro dovere quello di prevenire possibili situazioni di rischio per la popolazione in caso di forte maltempo. Quindi, come ogni anno abbiamo stilato un programma di interventi che permetterà di mettere in sicurezza ulteriori porzioni di territorio comunale. I primi lavori si concentreranno sulla parte bassa del rio Vallessa in una zona particolarmente sensibile - quella che si interseca con la strada regionale e con la linea ferroviaria Novara – Domodossola - e nei pressi della confluenza con il torrente Strona”.

 


DIAMOCI LA ZAMPA

Il duo M & M – Massy & Miky – sostiene l’iniziativa lanciata dalla onlus Change for Dogs che si prefigge di raccogliere materiali per gli amici a quattro zampe. Si cercano in particolare coperte usate, crocchette e accessori diversi per cani.

Chi volesse partecipare può contattare i recapiti telefonici 342 002 8427, 349 556 6757 o 347 473 3700 con un messaggio SMS o Whatsapp.

 

RACCOLTA DEL VERDE PORTA A PORTA

L’Amministrazione comunale avvisa che con l’inizio del mese di aprile è ripreso il servizio di raccolta porta a porta del materiale organico che risulta dalla cura di orti e giardini nelle abitazioni private.

Il servizio verrà effettuato, come già negli anni precedenti, ogni primo e terzo sabato del mese sino alla fine di settembre. I materiali andranno conferiti tramite gli apposti sacchi, da lasciare aperti per il controllo del contenuto, o legato in fasci. Il numero massimo di ‘pezzi’ è fissato in due sacchi o fasci per ogni nucleo familiare. I contenitori per tale servizio vengono forniti dal gestore presso l’isola ecologica (discarica) di via Nazioni Unite, ma ogni utente se li può anche procurare autonomamente.

 

NUOVI ORARI DEI BUS

Co la riapertura parziale delle scuole di lunedì 12 aprile VCO Trasporti ha di nuovo cambiato gli orari delle corse per i bus della linea circolare Omegna - Casale Corte Cerro – Omegna.

Nei soli giorni feriali le nuove corse partiranno da Omegna, piazza Beltrami, alle 7,10 - 8,45 e 11,46 solo di giovedì - 14,36 e 17,33; transiteranno per il centro di Casale alle 7,33 - 8,58 e 12,03 di giovedì - 14,52 e 17,49 e saranno di nuovo a Omegna alle 7,38 - 9,16 e 12,15 giovedì - 15,02 e 18,00.

L’orario completo è disponibile sui siti internet del gestore e del comune o su casalecortecerro.blogspot.it, pagina Informazioni utili.

 

SOGGIORNI ESTIVI AL MARE O IN MONTAGNA

Il Consorzio per le Case di Vacanza dei Comuni Novaresi e del VCO ha pubblicato il bando con l’offerta di soggiorni estivi presso le sue case vacanze di Druogno, in valle Vigezzo, e di Cesenatico, sulla riviera romagnola. Destinatari sono persone singole, famiglie o gruppi organizzati di residenti nei comuni aderenti al consorzio, tra cui quello di Casale. Il trattamento prevede la pensione completa, l’animazione e il servizio spiaggia per periodi di una o due settimane - comprese tra metà giugno è metà settembre circa – a costi particolarmente convenienti.

Gli interessati possono trovare maggiori informazioni e la modulistica per l’iscrizione al sito internet del comune, sezione Albo pretorio online.

La richiesta va presentata al comune di residenza, che l’accetterà fino all’esaurimento dei posti disponibili.

 

FESTA PATRONALE DI SAN GIORGIO

La perdurante emergenza sanitaria bloccherà, anche per quest’anno, quasi tutte le iniziative che di solito venivano organizzate per la patronale di fine aprile. Verranno però tenute le celebrazioni religiose e sarà organizzata una lotteria che finanzi le diverse attività parrocchiali. I biglietti sono già in vendita, al costo unitario di 1 euro, a cura dei ‘soliti’ volontari.

È attivo anche il gruppo di cucina del Tendone che organizza la preparazione e la distribuzione di tre cene, da consumarsi a domicilio, per le serate dei giorni di sabato 24 aprile, 1 e 8 maggio. Informazioni e prenotazioni – obbligatorie entro la serata precedente a ogni cena – al recapito telefonico 335 536 8227; la consegna dei cibi avverrà presso l’oratorio Casa del Giovane a partire dalle ore 19. I singoli menù e i relativi costi saranno disponibili a breve sui siti internet delle parrocchie e sulle pagine Facebook del Tendone e del paese.

Anche in questo caso il ricavato andrà a sostenere le attività parrocchiali.

 

CRESIME

Le Cresime verranno amministrate domenica 18 aprile, alle ore 15, nella chiesa parrocchiale di San Giorgio, a Casale. Sarà coinvolto solo un primo gruppo di ragazzi delle tre parrocchie locali, in modo da limitare l’affollamento in chiesa. Prossimamente verrà organizzata un’analoga cerimonia per i cresimandi rimanenti.

 

venerdì 9 aprile 2021

Lavori di messa in sicurezza sul rio Vallessa

 

Con la bella stagione prende il via il programma di interventi dell'Amministrazione Comunale dedicato alla cura, manutenzione e messa in sicurezza del territorio.

Una serie di opere messe a bilancio 2021, che vedranno interessati nel corso dei prossimi mesi il Rio Vallessa (in due aree distinte del paese: zona Gabbio e Casale centro), il Rio delle Quare e Rio di Mezzo (frazione di Ramate) e la posa di reti paramassi in frazione Case Sparse Fontanaccia.

I primi lavori in calendario hanno avuto inizio questa settimana sul Rio Vallessa, a valle della SP229. L'opera, del costo complessivo di circa 30.000€, permetterà di mettere in sicurezza il Rio Vallessa e prevenirne l'esondazione in caso di eventi alluvionali, attraverso lavori di disalveo e pulizia del letto del fiume e con una nuova arginatura.

L’attenzione dell’Amministrazione alla sicurezza e cura del territorio è uno dei punti fermi della nostra gestione. E’ nostro dovere quello di prevenire possibili situazioni a rischio per la popolazione in caso di forte maltempo – le parole dell’Assessore ai Lavori Pubblici, Gabriele Falcioni - come ogni anno abbiamo stilato un programma di interventi che garantirà di mettere in sicurezza ulteriori porzioni di territorio comunale. I primi lavori si concentreranno sulla parte bassa del Rio Vallessa in una zona particolarmente sensibile: quella che si interseca con la SS229, la linea ferroviaria Novara-Domodossola e nei pressi della confluenza con il fiume Strona”.



A San Giorgio cucina da asporto con il Tendone

 


Geografia fantastica - Insubria Felix


I LAGHI DEL NORD

 


lunedì 5 aprile 2021

Notizie casalesi - 5 aprile 2021

 


VACCINAZIONI ANTICOVID: E’ IL TURNO DEI SESSANTENNI

L’Amministrazione comunale comunica che, a partire da giovedì 8 aprile, sono aperte le prenotazioni per la vaccinazione anti Covid per le persone con età compresa tra i 60 e i 69 anni, comprese tutte quelle nate nel 1961.

Per iscriversi è necessario collegarsi al sito internet www.ilpiemontetivaccina.it e inserire nell’apposito modulo il proprio codice fiscale e il numero della propria tessera sanitaria.

Si ricorda che è attivo, per chi avesse difficoltà nell’uso delle tecnologie informatiche, il servizio di consulenza gratuito funzionante presso la biblioteca comunale, in piazza della chiesa, dal lunedì al venerdì e dalle 15 alle 18. Per usufruirne occorre innanzitutto prendere un appuntamento, chiamando il recapito telefonico 340 721 3068, a cui ci si dovrà presentare muniti della tessera sanitaria e si dovrà fornire un numero di telefono cellulare al quale l’ASL invierà le informazioni – data e ora – relative alla somministrazione del vaccino.

 

BENEDIZIONE PASQUALE DELLE FAMIGLIE

Causa emergenza sanitaria don Massimo Galbiati non effettuerà il consueto ‘giro’ per benedire le case del paese. Chi però volesse comunque richiedere la cerimonia può prendere appuntamento con il parroco chiamando il recapito telefonico 347 059 8804.

 

FESTA PATRONALE DI SAN GIORGIO

Come precedentemente annunciato, la patronale del 23 aprile prevederà unicamente le celebrazioni religiose. E’ però stata varata la lotteria benefica i cui biglietti, al costo unitario di 1 euro, sono già in vendita a cura dei ‘soliti’ volontari.

Il gruppo del Tendone sta inoltre vagliando l’opportunità di un pranzo sociale ‘a distanza’, con la predisposizione di un menù da asporto per domenica 25 aprile. Maggiori informazioni saranno disponibili a breve.

 

LUTTI

Sono mancati Viviana Fantoni Travaini, 57 anni e Bruno Mazzali, detto Tonino, 76 anni. Entrambi risiedevano a Omegna, ma erano originari rispettivamente di Casale centro e di Montebuglio.

A parenti e amici le più sentite condoglianze della redazione.

 

mercoledì 31 marzo 2021

Raccolta benefica per i profughi nei Balcani

 

Il gruppo casalese "Amiche geniali" aderisce alla raccolta di generi di prima necessità per i migranti in viaggio nei Balcani.

Per ulteriori informazioni potete contattare Angela Poletti dalle h. 12.30 in poi al numero 3339756338 oppure me al numero 3407213068.
La raccolta si chiuderà venerdì. Chi intende collaborare può portare il materiale a casa nostra ( Ricciano di Casale Corte Cerro, via E. Canova 6) oppure in biblioteca, a Casale, sede della proloco, in p. za della chiesa, giovedì 1º aprile nel pomeriggio dalle 15.00 alle 18.00.
Raccogliamo:
* Vestiti da uomo
* Scarpe da tennis e scarponi in buone condizioni da uomo
* Intimo e calze da uomo NUOVO
* Giacconi e maglioni pesanti da uomo
* Coperte
* Generi alimentari non deperibili
* Saponi
* Zaini

domenica 28 marzo 2021

Pochi mezzi, ma tanta passione

 

COME ERAVAMO

 


Nelle foto che pubblichiamo si vedono i ragazzi della parrocchia di San Giorgio, in compagnia di un giovanissimo don Renato Beltrami, da poco nominato parroco in sostituzione di don Pietro Belloni, che si ‘arrangiano’ a imbastire una partitella di calcio nel terreno dell’ex camposanto, a lato e sul retro della chiesa parrocchiale. Il luogo è tutt’ora detto ‘le Cappelle’ per la presenza delle cappellette devozionali – poi demolite, ad esclusione delle quattro incorporate nei montanti dei due cancelli di accesso - con le stazioni della via Crucis. Siamo a metà circa degli anni ’50 e Casale non disponeva di un campo giochi.

Pochi anni più tardi, però, in soccorso della parrocchia vennero i fratelli Luigi – ël professor, il professore – e Marì Gedda, già fondatori del Getsemani - che donarono un terreno di loro proprietà situato immediatamente a valle dell’oratorio Casa del Giovane. Era soltanto un prato arborato, ma per la trasformazione in campo sportivo si misero subito all’opera i giovani dell’Azione Cattolica, che con pala, picco, carriola e olio di gomito – ancora una volta sotto la guida del parroco – realizzarono (e qui si veda la terza foto) quello che divenne ‘il Sabbioso’, quel campetto pieno di sabbia e sassi sul quale i ragazzi del paese impararono le regole del calcio e dal quale uscirono anche sportivi di indiscusso valore. Uno per tutti: Daniele Bulgheroni, per anni titolare del glorioso Omegna Calcio.

Per il materiale fotografico ringraziamo ancora una volta la famiglia Dematteis e i volontari della Ca dij Libär e del museo della Latteria Consorziale Turnaria.



Notizie casalesi - 28 marzo 2021

 

STATO DI MASSIMA PERICOLOSITA' PER GLI INCENDI BOSCHIVI

La primavera avanza, ma le tradizionali piogge ancora tardano a farsi vedere e i boschi delle nostre montagne sono affetti da uno stato di siccità tale da creare forti preoccupazioni per il possibile sviluppo di incendi.

Per questo motivo l’Amministrazione regionale ha dichiarato lo stato di massima pericolosità per incendi boschivi in tutto il territorio del Piemonte a partire dal 26 marzo, con conseguente, assoluto divieto di accendere fuochi all’aperto. Sono inoltre vietate tutte quelle attività che potrebbero produrre scintille o surriscaldamenti tali da poter innescare dei focolai.

Si ricorda che chiunque avvisti principi d’incendio è tenuto a darne immediato avviso tramite il numero di emergenza 112.

 


CONSIGLIO COMUNALE

Si è riunto sabato 27 marzo, con l’ormai consueta modalità on line, il Consiglio comunale.

All’ordine del giorno alcuni argomenti ‘tecnici’ inerenti la gestione del bilancio e due proposte di delibera di carattere umanitario. La prima – promossa dal gruppo di maggioranza - impegna l’Amministrazione a concedere la cittadinanza onoraria a Patrick Zaki, lo studente dell’università di Bologna, di origine egiziana, che da un anno ormai è detenuto nel suo paese per motivi politici. La seconda – proposta dal gruppo di minoranza – è una mozione a favore della giornata internazionale contro le mutilazioni genitali femminili.

ULTIMO APPUNTAMENTO DELLE ‘CENE PER CASALE’ CON LA PRO LOCO

‘Quattro cene per Casale 2’, la seconda iniziativa lanciata dalla Pro Loco casalese a sostegno delle imprese ristorative presenti nel comune, giunge al quarto – e per ora ultimo - appuntamento. Dopo La Cooperativa, Cicin e Barabba, sabato 3 aprile sarà il ristorante Bar Beba del Gabbio a proporre i suoi tre, golosi menù da asporto, come sempre a prezzo convenzionato.

Per prenotazioni e informazioni contattare i recapiti telefonici 335 536 8227 o 342 870 4388. I menù dettagliati si possono consultare alla pagina Facebook della Pro Loco di Casale Corte Cerro.

INIZIATIVE PARROCCHIALI PER LA PASQUA

Giovedì 1 aprile la Missa in Coena Domini verrà celebrata a Ramate alle 18 e a Casale alle 20,30. Per motivi sanitari non potrà essere amministrata la consueta lavanda dei piedi ai ragazzi che riceveranno la Prima Comunione nei prossimi mesi, i quali sono comunque invitati a partecipare alle funzioni.

Venerdì 2 la Passione del Signore sarà ricordata a Ramate, alle 18. Per ovvi motivi la Via Crucis non potrà svolgersi, come negli anni precedenti, nel suggestivo ambiente del santuario del Getsemani; verrà invece meditata nella chiesa parrocchiale di San Giorgio, con inizio alle 20,30.

La Veglia Pasquale di sabato 3 comporterà una celebrazione unica nella chiesa di Casale, quella di maggior capienza, con inizio alle 20,30 per permettere il rientro dei fedeli nel rispetto degli orari di coprifuoco.

Domenica 4 le Messe seguiranno i consueti orari festivi – le 10 a Ramate e le 11,15 a Casale – ma verranno aggiunti altri due appuntamenti, alle 9 a Montebuglio e alle 18 di nuovo a Ramate, così da permetterne la partecipazione a tutta la popolazione pur evitando problemi di sovraffollamento.

LUTTO

All’età di 80 anni è scomparso Secondo Beltrami, residente a Crusinallo ma ben conosciuto al Cassinone, dove per decenni aveva gestito, insieme ai fratelli, l’omonima attività di lavorazione del legno.

A parenti e amici le più sentite condoglianze della redazione.

4 Cene per Casale 2 - ultimo appuntamento

 




Almanacco del giorno

 

domenica 28 marzo 2021
Le Palme

il sole sorge 7,04 e tramonta alle 19,35

luna piena alle 20,47

entra in vigore l'ora legale

giovedì 25 marzo 2021

ADESIONE DELLE ATTIVITA' COMMERCIALI AL PROGETTO ‘DISTRETTO DEL COMMERCIO’

 


L'Amministrazione comunale, in collaborazione con i comuni di Omegna e Gravellona Toce, ha in animo di partecipare al Bando Regionale dedicato all'istituzione dei distretti del commercio.

Al fine di raccogliere il maggior numero possibile di adesioni entro il 29 marzo, si chiede agli esercizi commerciali interessati di compilare e inviare all'indirizzo mail protocollo@comune.casalecortecerro.vb.it il modulo di sostegno all'iniziativa.

L’obiettivo del progetto è di sostenere la fase di rigeneramento dei rispettivi Comuni, facendo leva sulle peculiarità del territorio, sulle esperienze già intraprese e soprattutto sulle potenzialità che può offrire il turismo e la cultura nel rilancio delle attività commerciali. Il progetto permetterà di coinvolgere in maniera sinergica tre comuni nonché sindacati, associazioni di categoria e di consumatori, accumunati dallo stesso obiettivo: lo sviluppo economico, sociale e culturale del proprio territorio.

Tutte le informazioni, il modulo di sostegno e la relazione sintetica, sono disponibili al sito internet del comune.

mercoledì 24 marzo 2021

Parlano di noi

 


Progetto Distretto del Commercio


 

Comune di Casale Corte Cerro

PROGETTO DISTRETTO DEL COMMERCIO

____________________________________________________________________

Relazione sintetica di fattibilità

Denominazione: DISTRETTO DEL CUSIO

Comune capofila: OMEGNA

Comuni associati: GRAVELLONA TOCE e CASALE CORTE CERRO

Gli obiettivi di un programma strategico condiviso

L’obiettivo del progetto è di sostenere la fase di rigeneramento dei territori di

Omegna, Casale Corte Cerro e Gravellona Toce facendo leva sulle peculiarità

del territorio, sulle esperienze già intraprese e soprattutto sulle potenzialità che

può offrire il turismo e la cultura nel rilancio delle attività commerciali. I tre

comuni coinvolti sono strettamente legati da un punto di vista territoriale e

culturale: per anni l’industria è stata posta al centro dello sviluppo del

territorio, ma la transizione verso un’economia maggiormente basata sul

commercio è possibile grazie al traino del turismo. È per questo motivo che i 3

comuni hanno deciso di procedere alla costituzione del nuovo distretto e di

implementarlo stabilendo specifici obiettivi strategici:

Obiettivo 1: Comunicazione e Marketing integrati di Distretto: definire,

sviluppare e implementare una politica di comunicazione e di marketing di

Distretto sinergica, che tenga conto delle peculiarità del territorio e che

proceda in sinergia con turismo, arte e cultura per la valorizzazione del

territorio del distretto attraverso appositi itinerari che coinvolgano la

cittadinanza tutta e i turisti.

Obiettivo 2 - Politiche e piani annuali promozionali e di animazione di

Distretto per rivitalizzare la rete distributiva e aumentarne

l’attrattività, nonché il lancio di progetti di consegna merci a domicilio per

creare un sistema organizzato e agile per la distribuzione delle merci, con

particolare attenzione alle fasce anziane e fragili del distretto. La valorizzazione

e il rilancio delle attività commerciali di vicinato passano attraverso nuovi

format e ponendo l’attenzione sulla comunità locale ma anche sui flussi dei

turisti che interessano tutti e tre i comuni del Distretto.

Obiettivo 3 - Interventi di qualificazione urbana: realizzare interventi

pubblici e/o privati di qualificazione estetica degli immobili, degli esercizi e

degli spazi urbani con particolare attenzione al recupero e alla valorizzazione

dei locali commerciali storici e all’esteriorità delle attività commerciali, come

vetrine, facciate e insegne. A tale fine ci si baserà sull’esperienza iniziata con il

piano di rilancio commerciale del comune di Omegna e con l’attività di

rivitalizzazione del mercato comunale di Gravellona Toce, estendendone i

benefici e rendendone parte attiva anche il Comune di Casale Corte Cerro.

Obiettivo 4: Interventi di la realizzazione di servizi innovativi a

vantaggio dei consumatori e alla fidelizzazione della clientela: anche in

questo caso ci si baserà sulle prime iniziative intraprese dal comune di Omegna

nel piano di rilancio, ampliandole e ponendo al centro del piano tutti e tre i

comuni coinvolti e gli attori identificati.

Al fine di perseguire i macro-obiettivi sopraccitati, il Comune proponente grazie

al presente progetto intende stipulare il protocollo di intesa con il Comune di

Gravellona Toce, Comune di Casa Corte Cerro e Confcommercio Alto Piemonte,

definire compiutamente il programma strategico degli interventi, promuovere

una serie di interventi di comunicazione rivolti agli operatori economici e alla

cittadinanza, al fine di illustrare i benefici derivanti dalla creazione del distretto.

Perché realizzare il Distretto del Commercio

Il distretto commerciale rappresenterà un modello di innovazione per tutta

l’area del Cusio. Permetterà di coinvolgere in maniera sinergica tre comuni

nonché sindacati, associazioni di categoria e di consumatori, accumunati dallo

stesso obiettivo: lo sviluppo economico, sociale e culturale del proprio

territorio. Il nuovo distretto permetterà di rafforzare, diversificare e

incrementare l’offerta di prodotti e servizi puntando a superare, in maniera

sinergica, l’attuale situazione di difficoltà causata dall’emergenza COVID19.

Creando sinergie tra pubblico e privato sarà possibile far fronte alle nuove sfide

che il mercato digitale impone alle piccole attività commerciali, nonché

affrontare in maniera efficace le chiusure, in parte dovute all’obsolescenza

dell’offerta e in parte causate dall’attuale emergenza sanitaria. Il nuovo

distretto permetterà quindi di creare nuove opportunità di sviluppo e nuovo

lavoro. Questi punti saranno particolarmente rilevanti nella definizione del

programma strategico condiviso, dove i singoli obiettivi saranno traslati in

azioni concrete da realizzare.

L’idea di creare il distretto commerciale del Cusio nasce dalla visione a lungo

termine dei comuni di Omegna, Gravellona Toce e Casale Corte Cerro di far

leva sulle potenzialità commerciali, industriali, turistiche e culturali del proprio

territorio. Sarà proprio grazie all’alto grado di interazione tra il mondo

industriale, commerciale e turistico/culturale dei comuni coinvolti che sarà

possibile creare un distretto allargato, altamente rappresentativo del territorio

e al servizio della comunità.

Complessivamente il nuovo Distretto farà leva su un ampio numero di esercizi

commerciali:

• 33 esercizi commerciali al dettaglio di prodotti alimentari (17% di tutti

quelli della provincia Di Verbano Cusio Ossola (VCO),

• 323 di tipo non alimentare (20% della provincia di VCO),

• 33 classificati come misto (il 13% della provincia di VCO),

• 118 bar (il 16% della provincia di VCO),

• 119 ristoranti (il 15% della provincia di VCO),

• 34 punti vendita speciali: carburanti (12), tabacchi (15) e farmacie

(7).

Di seguito si riporta il dettaglio degli esercizi commerciali sopraccitati, suddivisi

in “Commercio al dettaglio in sede fissa”, “pubblici esercizi” e “punti vendita

speciali”.

Se si guarda al periodo 2016 -2020, globalmente le attività del nuovo Distretto

hanno segnato un incremento, in particolare nel caso delle attività di tipo

alimentare, fatta eccezione per quelle di tipo misto. Inoltre, mentre i bar hanno

mantenuto una certa stabilità numerica, i ristoranti hanno ottenuto una

crescita importante, soprattutto a partire dal 2018 per poi andare a

stabilizzarsi. I grafici seguenti rappresentano le tendenze sopradescritte.

Offerta commerciale ed economica dei territori

comunali


COMUNE DI CASALE CORTE CERRO

Il comune di Casale Corte Cerro si trova a metà strada tra Gravellona Toce e

Omegna, incastonato fra il Monte Cerano e il Mottarone, nella Val Corcera,

nelle Alpi Pennine. Localizzato a 15 km da Verbania, a 50 km da Locarno (CHTI),

a 95 km da Briga-Glis (CH-VS), a 100 km da Milano e 135 da Torino, la

sua altitudine varia dai 225 metri della località Fontanaccia fino ai 1702 metri

del Cerano (Colma Auta). Il territorio comunale è in gran parte boschivo ed è

percorso da una fitta rete di sentieri che, dalle località di Casale Capoluogo,

Ramate, Montebuglio, Arzo, Cafferonio, Sant'Anna, Pramore, Cassinone,

conducono ai vari alpeggi situati sulle ripide pendici della montagna (monte

Zuccaro e monte Cerano). Da questi alpeggi, se le giornate sono limpide, si

gode il panorama sui laghi d'Orta, Maggiore, di Varese, di Monate, di

Comabbio, e sulla pianura novarese e lombarda. Fino al 1913 comprendeva

anche il comune di Gravellona Toce, poi costituitosi autonomo.

Dal punto di vista dei flussi turistici, il 2019 è stato caratterizzato da 3.322

arrivi e 6.718 presenze con una presenza media di 2 notti per cliente sia per i

turisti stranieri che italiani, che hanno fatto registrare: 2.625 arrivi e 5.276

presenze i turisti italiani e 697 arrivi e 1.442 presenze quelli stranieri. Nello

stesso anno, le presenze nel settore alberghiero sono state 5.600, in quello

extra alberghiero 1.107, mentre le locazioni turistiche 11. I flussi turistici sono

per lo più concentrati nei periodi primavera-estate con un target familiare,

nelle strutture B&B e Case Vacanza. L’unica struttura ricettiva “tradizionale”

(Hotel) invece, ha una clientela prettamente business nel periodo che va da

settembre a maggio. Questi dati testimoniano l’importanza del turismo per il

territorio comunale e possono rappresentare sicuramente un volano per lo

sviluppo commerciale.

Per quanto riguarda il commercio al dettaglio in sede fissa, sono presenti

sul territorio 3 esercizi commerciali al dettaglio di prodotti alimentari, 13 di tipo

non alimentare e 2 classificati come misto. Per i pubblici esercizi, vi sono 14

bar e 9 ristoranti. Sono inoltre presenti sul territorio 3 punti vendita speciali:

tabacchi (2) e farmacie (1). Questi dati afferiscono al 2020 e sono

caratterizzati da una sostanziale stabilità se si guarda agli ultimi 5 anni.

Così come per il comune di Omegna e di Gravellona Toce, anche nel caso del

comune di Casale Corte Cerro l’intero territorio comunale entrerà a far parte

del distretto commerciale.

Il Comune di Casale Corte Cerro beneficerà della costituzione del Distretto

inserendosi in un contesto coordinato e più ampio, che permetterà di

valorizzare al meglio le peculiarità commerciali, turistiche e culturali del proprio

territorio. Il territorio comunale ha nel suo complesso una prevalenza di piccole

e medie imprese che, nonostante la congiuntura economica sfavorevole,

riescono a mantenersi competitive. Tra di esse, inoltre, vi sono anche alcune

aziende che in nicchie di mercato specifico hanno saputo ritagliarsi spazi di

crescita importante. In ambito turistico, la conformazione territoriale e la forte

presenza di aree verdi spingono l’offerta verso una realtà incentrata al “turismo

slow e familiare” che punta ad essere quello prevalente dei prossimi anni. Tra

le debolezze più evidenti, resta la mancanza di adeguate infrastrutture

territoriali e regionali (strade, ferrovie, autobus) che permettano una più

veloce ed efficace circolazione.

COMUNE DI OMEGNA

Omegna, comune di 14.650 abitanti della provincia del Verbano Cusio Ossola,

sorge all’estremità Settentrionale del Lago d’Orta e rappresenta il principale

centro del Cusio, nonché perla turistica affacciata sul lago. Fra i principali

luoghi e monumenti di interesse si possono citare: il Parco della fantasia, parco

letterario e didattico dedicato ai bambini con lo scopo di promuovere, divulgare

e far conoscere Gianni Rodari e il suo “metodo della fantasia”, il Forum

Omegna, struttura gestita dalla Fondazione Museo Arti e Industria di Omegna

per promuove la ricerca storica sui processi di industrializzazione, la

conservazione della memoria della civiltà industriale e l’identità del territorio, il

Ponte Antico, la Porta Romana, l’Area De Angeli-Frua, le Incisioni rupestri,

nonché numerose chiese e santuari.

Per quanto riguarda il commercio al dettaglio in sede fissa, sono presenti

sul territorio comunale 22 esercizi commerciali al dettaglio di prodotti

alimentari, 164 di tipo non alimentare e 18 classificati come misto. Per i

pubblici esercizi, vi sono 66 bar e 68 ristoranti. Sono inoltre presenti sul

territorio 22 punti vendita speciali: carburanti (10), tabacchi (8) e farmacie

(4). Questi dati afferiscono al 2020 e certificano una sostanziale stabilità nel

periodo 2016 -2020, ad eccezione dei ristoranti, cresciuti di +18 unità rispetto

al 2016 e una diminuzione del numero dei bar, passati da 78 nel 2016 a 66 nel

2019 e 2020.

Dal punto di vista dei flussi turistici, il 2020 è stato caratterizzato da 5.142

arrivi e 12.791 presenze (permanenza media: 2,5 notti per cliente), con una

buona fetta rappresentata da turistici stranieri che hanno registrato anche una

permanenza media più alta (3,2 notti) considerati i 1.333 arrivi e le 4.309

presenze. I turisti italiani invece hanno fatto registrare, 3.809 arrivi e 8.482

presenze, con una permanenza media di 2,2 notti per cliente. Nello stesso

anno, le presenze nel settore alberghiero sono state 4.898, in quello extra

alberghiero 2.827, mentre le locazioni turistiche 5.066. Complessivamente

sono presenti sul territorio 53 esercizi, di cui 2 alberghieri, 19 extra-alberghieri

e 32 locazioni turistiche. Questi dati dimostrano la vocazione turistica del

comune di Omegna e le potenzialità per il tessuto commerciale derivanti dai

flussi turistici che caratterizzano il comune. L’intero territorio comunale

entrerà a far parte del distretto commerciale.

Il Comune di Omegna, così come i due comuni che parteciperanno al progetto,

sta attraversando una fase di passaggio da importante centro di produzione

industriale ad uno più commerciale e turistico, potendo contare oltre che sulla

presenza di valide strutture ricettive anche sulla presenza di alcuni punti

vendita dell’industria del casalingo (vedi il sito www.visitomegna.it).

COMUNE DI GRAVELLONA TOCE

Il Comune di Gravellona Toce, con i suoi 7.712 abitanti, rappresenta uno

strategico nodo viario tra le tre aree provinciali di Verbano, Cusio ed Ossola.

Dopo essere divenuto comune autonomo nel 1913 (staccandosi dal comune di

Casale Corte Cerro), Gravellona Toce ha registrato un incremento notevole

della popolazione grazie allo sviluppo industriale legato alla lavorazione del

cotone, del marmo e del granito, nonché per le officine elettriche e

meccaniche. La posizione di crocevia fra importanti assi stradali ha

rappresentato un importante volano per lo sviluppo commerciale. All'inizio

degli anni Novanta, il completamento dell'autostrada A26 Genova Voltri-

Gravellona Toce ed il collegamento della stessa con la superstrada che conduce

fino a Varzo e al Passo del Sempione, hanno resto il comune ancora più

centrale e nodo di comunicazione fra la Svizzera e la Pianura padana. La

realizzazione della nuova provincia del Verbano-Cusio-Ossola ha conferito a

Gravellona una singolare centralità economica, amministrativa e sociale: qui,

infatti, sono stati dislocati alcuni servizi provinciali (INPS e INAIL). Nel 2003, il

presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi ha conferito il titolo di città al

comune di Gravellona Toce, riconoscendone l'importanza economica,

geografica e sociale all'interno del territorio locale e italiano.

Il Comune ha un territorio riconosciuto come turistico con deliberazione della

Giunta Regionale n. 3078 del 10 luglio 1995, si estende per 14,67 Kmq

nell’estremo nord della Regione. Dal punto di vista dei flussi turistici, il 2019

è stato caratterizzato da 767 arrivi e 1.730 presenze, con una permanenza

media di 2,3 notti per cliente, in larga parte italiani, che hanno fatto registrare

592 arrivi e 1.419 presenze, con una permanenza media di 2,4. I turisti

stranieri invece hanno fatto registrare 175 arrivi e 311 presenze, con una

permanenza media più bassa rispetto ai turisti nazionali, che si è attestata a

1,8. Nello stesso anno, le presenze nel settore alberghiero sono state 654, in

quello extra alberghiero 1.031, mentre le locazioni turistiche 45.

Per quanto riguarda il commercio al dettaglio in sede fissa, sono presenti

sul territorio 8 esercizi commerciali al dettaglio di prodotti alimentari, 146 di

tipo non alimentare e 13 classificati come misto. Per i pubblici esercizi, vi sono

38 bar e 42 ristoranti. Sono inoltre presenti sul territorio 9 punti vendita

speciali: carburanti (2), tabacchi (5) e farmacie (2). Questi dati afferiscono al

2020. Se si guarda al periodo 2016-2020, è possibile notare un raddoppio degli

esercizi commerciali di tipo alimentare, passati da 4 nel 2016 a 8 nel 2020, un

+10 unità per gli esercizi di tipo non alimentare rispetto al 2016, una leggera

diminuzione del numero dei bar (-2) e un leggero aumento del numero dei

ristoranti (+3) sempre rispetto al 2016.

Così come per il Comune di Casale Corte Cerro e di Omegna, anche nel caso

del Comune di Gravellona Toce l’intero territorio comunale entrerà a far parte

del distretto commerciale.

lunedì 22 marzo 2021

Quattro cene per Casale 2 - terzo appuntamento

 



Notizie casalesi - 22 marzo 2021

 

PROSEGUONO LE ‘CENE PER CASALE’ CON LA PRO LOCO


‘Quattro cene per Casale 2’, la seconda iniziativa lanciata dalla Pro Loco casalese a sostegno delle imprese ristorative presenti nel comune, giunge al terzo appuntamento. Dopo La Cooperativa e Cicin, sabato 27 marzo sarà il ristorante Barabba del Gabbio a proporre i suoi raffinati menù da asporto, come sempre a prezzo convenzionato.

Per prenotazioni e informazioni contattare i recapiti telefonici 335 536 8227 o 342 870 4388. I menù dettagliati si possono consultare alla pagina Facebook della Pro Loco di Casale Corte Cerro.

Per la cena del 13 marzo, a cura de La Cooperativa, il prezzo di ogni menù comprendeva un contributo di due euro che è stato trattenuto dalla Pro Loco; con un’integrazione a carico del bilancio sociale, questo meccanismo ha permesso di versare alla Caritas interparrocchiale la somma di 200 euro a titolo di aiuto per le famiglie in difficoltà a causa dell’emergenza sanitaria.

 

INIZIATIVE PARROCCHIALI PER LA QUARESIMA

Venerdì 26 marzo, alle 20,30 nella chiesa di Casale sarà amministrata la Confessione comunitaria in vista della Pasqua.

Prosegue, ogni venerdì, la meditazione della Via Crucis. Questa settimana si terrà il 26 marzo, alle ore 17,30 nella chiesa di Ramate e a seguire verrà celebrata la Messa feriale.

Per la Domenica delle Palme, 28 marzo, non sono previste particolari cerimonie. La benedizione e la distribuzione dei rami d’olivi avverrà durante le Messe, celebrate nei soliti orari festivi: alle 10 a Ramate e alle 11,15 a Casale.

 

FESTA PATRONALE DI S. GIORGIO

La perdurante emergenza sanitaria bloccherà molto probabilmente qualunque iniziativa anche per quest’anno. Si sta pensando però di organizzare almeno una lotteria che contribuisca a finanziare le diverse attività parrocchiali. Chi fosse disposto a lavorarvi lo segnali al parroco.

domenica 21 marzo 2021

Come eravamo... nel 1977

 COME ERAVAMO


La sera di giovedì 6 maggio 1976 una forte scossa di terremoto devastava una gran parte del territorio della regione Friuli Venezia Giulia. Dal giorno successivo i mezzi di informazione iniziarono a diffondere le immagini e le notizie con il bilancio delle vittime e dei danni subiti dalle popolazioni, suscitando nel paese una grande ondata emotiva.

Domenica 9 tra i giovani casalesi che, come al solito, si fermavano a chiacchierare sul sagrato al termine della Messa, cominciò a circolare una frase: “Dobbiamo fare qualcosa”. Detto… fatto! Da quello stesso pomeriggio, a piccoli gruppi, iniziarono a battere il territorio comunale, armati di megafono, per chiedere alla popolazione di partecipare alla raccolta di indumenti e generi di prima necessità che avevano deciso di organizzare. Il parroco, don Renato Beltrami, mise subito a disposizione le sale del Baitino, dove venne organizzato il centro di raccolta, i casalesi aderirono in massa e dopo un paio di settimane si poterono caricare e inviare i primi autocarri con i materiali raccolti. Come riferimento nelle zone colpite era stato individuato Tavagnacco, un comune della provincia di Udine dove risiedevano persone conosciute, in modo che gli aiuti arrivassero direttamente a chi ne aveva bisogno, senza incappare in troppi ostacoli burocratici.

La mobilitazione durò un anno intero e culminò nella festa patronale di San Giorgio del 1977, i cui proventi, al netto delle spese vive, furono destinati al soccorso di quella stessa comunità. Nei giorni culminanti della festa arrivò da Tavagnacco il loro gruppo folkloristico, composto di giovani e bambini, che animò la Messa solenne e presentò in alcuni spettacoli il suo tipico repertorio di musiche e canti popolari friulani.

Un mese più tardi una piccola delegazione del comitato festeggiamenti raggiungeva il Friuli per consegnare alle autorità locali i fondi raccolti; veniva ospitata per alcuni giorni a Tavagnacco e poteva rendersi conto di quanto veloci ed efficaci fossero gli interventi di ricostruzione in corso, tanto che in quel comune non si trovava più nessun edificio che fosse ancora in attesa di lavori.

Le fotografie che pubblichiamo, frutto delle ricerche in corso alla Ca dij Libär dlä Cort Cèrä, sono un ricordo di quei giorni.



Almanacco del giorno

 

domenica 21 marzo 2021
san Benedetto

il sole sorge alle 6,17 e tramonta alle 18,27
luna al primo quarto alle 15,40

sabato 20 marzo 2021

venerdì 19 marzo 2021

San Giusèp e ij seui tortéi

 


 In onore alle tradizioni del giorno di san Giuseppe una canzone originale, in dialetto ticinese, dello Zio Tom (Paolo Tomamichl)

I tortèi da san Giusèp



martedì 16 marzo 2021

Notizie casalesi - 16 marzo 2021

 

UN AIUTO PER PRENOTARE LE VACCINAZIONI

Le procedure di prenotazione alle vaccinazioni anti Covid19 messe in atto dal sistema sanitario regionale stanno preoccupando molti cittadini, soprattutto di età avanzata, che poco avvezzi all’impiego delle tecnologie informatiche si trovano in difficoltà nell’espletamento delle pratiche online. Per tale motivo l’Amministrazione comunale, in collaborazione con la Biblioteca della Corte di Cerro – Ca dij Libär dlä Cort Cèrä ha predisposto un servizio di aiuto che opererà dietro prenotazione presso la sede della stessa biblioteca, in piazza della Chiesa, dal lunedì al venerdì e dalle 15 alle 18.

Per usufruirne occorre innanzitutto prendere un appuntamento, chiamando il recapito telefonico 340 721 3068, a cui ci si dovrà presentare muniti della tessera sanitaria e si dovrà fornire un numero di telefono cellulare al quale l’ASL invierà le informazioni – data e ora – relative alla somministrazione del vaccino.

Il servizio è gratuito.

 

UN’AREA CAMPER ANCHE A CASALE?


Da fonti ben informate trapela la notizia che l’Amministrazione comunale avrebbe in animo di inserire nel progetto per la realizzazione del parco fluviale sulle rive del torrente Strona, in frazione Gabbio, di cui si è recentemente parlato, anche quello di un’area attrezzata per lo stazionamento di camper e autocaravan. Si penserebbe alla realizzazione di una decina di piazzole, provviste di punti per l’allacciamento elettrico e delle acque potabili e di scarico.

Un ulteriore passo verso il potenziamento dell’offerta turistica nel territorio della valle Corcera.

 

lunedì 15 marzo 2021

Un aiuto per la vaccinazione antiCovid

 


Segnaletica stradale in dialetto

 








Alcune settimane or sono abbiamo presentato attraverso queste pagine e i social media una piccola proposta per il miglioramento della nuova segnaletica stradale che il comune di Casale Corte Cerro sta posando in questo periodo. L’idea era quella di completare i cartelli indicatori delle varie frazioni con la corrispondente denominazione in dialetto locale e con un codice QR che rimandasse a delle schede on line attraverso cui fornire ai cittadini e ai visitatori qualche informazione di interesse geografico, storico e turistico.

La ‘cosa’ ha suscitato un certo interesse in paese e molte persone ci hanno fatto pervenire il loro apprezzamento. Anche l’Amministrazione comunale, attraverso l’assessore alla Viabilità Gabriele Falcioni, si è dichiarata interessata a lavorare sul progetto, ma ci segnala che, a norma del Codice della Strada, non risulta possibile inserire le diciture direttamente nel cartello ufficiale; la cosa è permessa solo nelle zone ufficialmente dichiarate bilingui, come succede in Sud Tirolo, Valle d’Aosta, Friuli e Sardegna. Nulla osta però all’aggiunta sui medesimi supporti di un altro cartello con tutte le indicazioni che si ritengano utili.

A questo punto proviamo a rimodulare la nostra proposta e, per maggior chiarezza, forniamo un esempio pratico applicato a Montebuglio, una delle frazioni più antiche e ricche di storia, tradizioni e punti di interesse. Nelle fotografie allegate il codice QR è già funzionante e rimanda a una scheda ospitata provvisoriamente sulle pagine di uno dei nostri siti internet dedicati al territorio di Casale e dintorni. Ricordiamo che in questo modo i segnali sul territorio – che in seguito potrebbero espandersi a monumenti, percorsi, ambienti naturali e quant’altro – non richiederebbero aggiornamenti nel tempo, mentre le schede online potrebbero essere facilmente aggiornate e implementate a costi praticamente nulli.

Massimo M. Bonini – barbä Bonìn