Copyright

Le informazioni e le notizie pubblicate in questo sito sono a disposizione di chiunque e liberamente riproducibili. In tale caso si prega però di volerne gentilmente citare la fonte.
Grazie.

giovedì 22 aprile 2010

Sän Zòrz

SAN GIORGIO, IL VALOROSO CAVALIERE
Giorgio, nobile originario della Cappadocia, regione della moderna Turchia, bello e valoroso, divenne famoso, secondo la ben nota leggenda, per aver liberato gli abitanti della città di Silena da un feroce drago che ogni anno pretendeva il sacrificio di una principessa, con la minaccia di distruggere la città medesima. Il cavaliere caricò il mostro, lancia in resta e lo uccise; secondo un’altra, più antica versione lo rese invece inoffensivo e forse addirittura domestico. Quale ricompensa rifiutò oro, onori e persino la mano della principessa salvata, ma chiese e ottenne la conversione al cristianesimo di tutti i cittadini, con il re in testa.
Durante la persecuzione di Diocleziano, nel 303, rifiutò di abiurare la sua fede e resistette ad ogni lusinga, sino a che fu condannato alla decapitazione.
Il culto di questo santo – protettore di cavalieri, militari, armaioli e boy scout – è diffuso in tutta l’Europa; la Chiesa orientale lo ha sempre considerato tra i più grandi servitori di Cristo, mentre in quella Cattolica sono recentemente sorti dubbi circa la sua reale esistenza, tanto che la sua festa è oggi prudentemente considerata facoltativa.
A Casale è rappresentato in una statua metallica acquistata nel 1903 e posta nella nicchia del coro, dietro l’altare maggiore della chiesa parrocchiale. Sue immagini esistevano inoltre alla cappelletta del Lisgieul, presso Arzo, ma ormai l’affresco è totalmente rovinato, e in quella che sorgeva un tempo a Ricciano, abbattuta poi per realizzare la piazzetta. Ancora si ricorda l’abitudine di mons. Belloni di celebrare periodicamente la messa presso quest’ultima, forse per consolare i poveri frazionisti, definiti tradizionalmente cägn (cani) per il fatto non avere una loro chiesa.

RICORDO DEI ‘SAN GIORGIO’ D’ALTRI TEMPI
E’ San Giorgio!
Eccola qui, finalmente, ‘la patronale’. Dopo due mesi di lavoro in casa parrocchiale, quasi tutte le sere, a preparare il banco di beneficenza, dopo ore ed ore di prove al Bäitìn per imparare la Nuova Messa Solenne, sotto la sferza del maestro Manara e con il De Marchi, infaticabile, all’armonium, dopo averla tanto attesa, eccola qui.
Fino a ieri il tempo è stato splendido. Questa mattina, naturalmente, piove. Ma non importa, è San Giorgio. Ci sono le funzioni con le Priore e l’incanto dell’offerta, col Tognìn ritto sugli scalini del Michél e lanciatissimo nel suo compito di banditore; c’è il Berto, in cilindro e redingote, che gira la manovella del ‘verticale’ mentre la gente si affolla alla sua fontana del vino, ci sono la tortä dël pän e la figäscinä. E il concerto della banda e le bancarelle e il giocone a premi tra le classi delle medie e una bella cantata, la sera tardi, sotto il tendone.
E tra qualche giorno tornerà anche il sole.
E’ San Giorgio…
barba bunin

IN TRÄ FIGÄSCINÄ E TORTÄ DËL PÄN
Ijn dòv äsmän orämai chë’ss sent pë l’ariä col prufumin ëd vänilinä e limòn, chë’ss vëgän tut ij fomän ciäpài ä sfärgäjàa mich, ä trosàa parieui ëd lacc e grätàa cicolàt Bändérä. E peui in tut ij cài indovä ‘l gh’è ‘l forn ass vëgh on grän viä vai, innëgn e ‘ndré, con sidèl e cavàgn.
L’è onsì chë’ss cäpiss chë’l gh’è dré ruvàa Sän Zòrz.
Lä tortä dël pän l’è prontä, sèt bièl e on biëlìn (dë scòrtä o për sägiàlä…). Dèss tocä lä figäscinä: ägh vòl trosàlä, spiänàlä e peui trosàlä e spiänàlä on autä e on autä e on autä vòtä, finchè la vëgn molzinä pròpi coma’ss dev. Écco, l’è pronta dë spätäsciàlä giù ‘n su lä piasträ d’ärsàal, ‘na bèlä pässàa’d buter e viä, incä léi dént pë’l forn.
Rèsta pù ma dë prontàa lä botèliä dël vin moscà e spiciàa lä dominicä, subit dòpo procissión, për cäsciai sotä ij dént.
Fèvlä bonä…
barba bunin

ZÒRZ E’L BASLÌSCH
Par mi, ch'am ciami Zòrz,
la fèsta da Casàal
l'è anca la mé fèsta...
e l'è ona festa la fontana
dal vìn
n'dova gh'è al Bonin
ch'al dà via bicerogn
da col bianch e da col négar,
da col dolz e da col brusch
e par ‘na smana
‘gh n'è par tucc ij ganass
e par tucc ij giavèr...
Casal
l'è al paés da la cucagna,
al paés dal bengòda,
dal bén béva,
dij polent e salamit,
dij costin e dal taplón,
dij fritur e dij pisit...
...e da copà al baslìsch.
Viva al baslìsch.
zorz rava da crosnàl
(baslìsch: basilisco, drago)

Nessun commento: