Copyright

Le informazioni e le notizie pubblicate in questo sito sono a disposizione di chiunque e liberamente riproducibili. In tale caso si prega però di volerne gentilmente citare la fonte.
Grazie.

domenica 24 settembre 2017

In ricordo di Bruno Richetti

Dai Bonìn, tirän su vunä… Era l’invito che mi rivolgeva il Bruno praticamente ogni volta che ci incontravamo - memore della mia militanza nel coro della Taurinense e del mio passato di ricercatore nel campo della musica popolare – agli incontri degli Alpini o a qualche cena di paese. O ancora quando ci fermavamo a casa sua durante il tradizionale giro del Cantar Maggio. Sembrava tutto tranquillo, a quell’ora di notte, ma dopo le prime due strofe la serranda dell’autorimessa si alzava e lui compariva - magari in desabillé, ma con la ‘penna’ in capo – e scoprivi che aveva preparato il tavolino con le debite ‘munizioni da bocca’ per rifocillare i cantori. E allora attaccavamo, di solito con “Agli uomini da bere vin sincero alfin si versi; l’acqua è fatta pei perversi e ‘l diluvio lo dimostrò”. E poi via, di pezzo in pezzo, fino a “Motorizzati a piedi, la penna sul cappel, lo zaino affardellato, l’Alpin l’è sempre quel”.
Poi il morbo del tremore gli ha progressivamente tolto l’uso delle gambe e della memoria, ma non la voglia di vivere e cantare. Ci piace ricordarlo così, Bruno Richetti; il volontario della Società Operaia e del circolo Arci e dell’Anpi, componente appassionato del coro Monte Massone di Luzzogno e amico fraterno del Carlin Poletti - per anni direttore del coro Stella Alpina di Berzonno - che ha preceduto il suo ‘andare avanti’ solo di pochi mesi.
Ciao, Bruno. Ricordati dei tuoi Alpini mentre canti nel grande coro del Paradiso.




(nella foto allegata Bruno Richetti, a destra, mentre canta in compagnia di Claudio Pizzi, allora sindaco di Casale, e di barba Bonin)

Nessun commento: