mercoledì 11 novembre 2009

11 Novémbër, sän Märtìn

Incheui sän Märtìn, dì'd marcä: ël sol l'è nacc giù int ël srëgn, doncä l'invèrn gh'avréss dä vèssä curt e miä tänt frëcc (o pròpi l'incontrari, dipénd dä chi l'è che agh'ss dà dë tràa...)

Oggi Martinmas, secondo gli antenati celti: all'imbrunire il cavaliere Martin, lo stesso divenuto poi santo per la tradizione cristiana, galoppa nel cielo invernale e dal suo mantello - stracciato a colpi di spada - si formano fiocchi di neve che, però, rimangono sospesi; cadranno tra qualche giorno al termine di quel breve periodo di bel tempo che i "cugini" d'oltre oceano definiscono "estate indiana".

Nessun commento: