giovedì 24 dicembre 2009

Canto di Natale

Non amo la mite stagione de' fiori
Dai prati ridenti, dai molli tepori
Feconda e distrugge; il fior pur mo nato
Abbrucia col dardo del raggio infocato.
Volubile e strana, lo stesso momento,
D'aspetto, di voglie, si muta col vento;
Or ride, or carezza la speme che nasce,
E prima che sbocci, la soffoca in fasce.
Non amo d'estate il sol rifulgente
Il capo ricinto di luce rovente
Se un giorno per caso mi guarda un po' scuro
Di dietro alle nuvole, ne rido e nol curo.
Adora la figlia selvatica e ria
La febbre d'amore, che ha nome follìa.
E amor troppo forte non dura mezz'anno,
Lo sanno pur troppo gli amanti, lo sanno!
Seguita a un bel giorno di messe ben piena
È bella d'autunno la notte serena
Col raggio lunare modesto, pacato,
Più bella del pieno meriggio sfacciato.
Mi piace il susurro dell'umida brezza
Che pare in un punto sospiro e carezza
Pur triste è la foglia che cade dal ramo
Per questo l'autunno tranquillo non amo.
Saluta il mio canto l'amico Natale,
L'amico più vecchio, più schietto e leale
Evviva il Natale! con tutto il potere
Tre volte gridando, vuotiamo il bicchiere
Tocchiamo, beviamo! sussulta di brio
Il cor del buon vecchio al bel tintinnio.
E qui col suo riso rallegri la festa
Fintanto che un solo boccone ci resta.
Onesto e superbo, non cela a niun patto
I segni che il tempo sul viso gli ha fatto
Il bravo marino così l'onorato
Solleva orgoglioso suo volto sfregiato.
E dunque s'intuoni con voce gioconda
E l'eco alla gaia canzone risponda
A coro e di core s'intuoni con me:
Ben venga dei dodici mesi il gran re!
Charles Dickens, Il circolo Pickwik

Nessun commento: